La sputacchina, l’insetto campione di salto in salto

LONDRA – Non porta proprio uno di quei nomi che si possono dire nobili. E anche come si comporta non è certo da beneducati. Eppure suo è il regno del salto in alto nel “basso” mondo della natura. La sputacchina, piccolissimo insetto della famiglia dei cercopidi (la stessa delle cicale), così chiamata per via degli “sputacchi” che al suo passaggio lascia sulle foglie, nonostante sia lunga appena sei millimetri, è in grado di zompare fino a 70 centimetri d’altezza. Una performance che un essere umano potrebbe eguagliare se con le sue forze saltasse sulla cima di un grattacielo alto più di 200 metri.
Il record e le qualità atletiche della sputacchina sono state osservate da uno zoologo britannico dell’Università di Cambridge, Malcolm Burrows, che per “caso” è riuscito a catturare con una videocamera immagini di 2000 frame al secondo. I risultati della sua ricerca sono riportati sul numero di domani di Nature.
Ingegnosa la “meccanica” che consente alla sputacchina di volare così in alto: servendosi delle cortissime “zampe” come di una catapulta, la minuscola cicala utilizza un’energia muscolare precedentemente immagazzinata e la libera con la forza e la rapidità di un’esplosione.
Burrows ha calcolato che la forza liberata dall’insetto è 414 volte superiore alla sua massa muscolare e il suo salto è 400 volte superiore alla sua altezza. Una prova straordinaria, che consegna alla “sputacchina” il nuovo record di salto in alto in natura, primato finora detenuto dalla pulce, in grado di usare una forza “solo” 135 volte superiore al suo peso. In confronto, l’essere umano è un dilettante: la potenza che infatti noi sviluppiamo nel salto è appena due, tre volte superiore alla nostro corporatura.
Per un insetto che fino a oggi era ricordato solo per una schiumosa bavetta depositata su foglie e fiori, incubo dei roseti, non c’è dubbio che si tratti di una gloriosa rinvincita.

La sputacchina, l’insetto campione di salto in saltoultima modifica: 2003-07-30T20:47:19+00:00da giornale_web
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento