SkyTg24, notizie senza sosta, Murdoch sfida RAI e Mediaset

ROMA – Parte la sfida di Murdoch all’informazione continua. E’ cominciata stamattina alle 6 la programmazione di SkyTg24, il canale di informazione minuto per minuto dell’unica tv italiana a pagamento, controllata dal magnate australiano.

Sotto la direzione di Emilio Carelli, ex vicedirettore del Tg5, la rete manda in onda un flusso di informazione ininterrotta, con notiziari in diretta ogni 30 minuti che coprono le principali notizie nazionali e internazionali. A condurre il primo tg, stamattina, Salvo Sottile appena passato a Sky da Mediaset, e Valentina Bendicenti. Qualche problema tecnico, con sbalzi di audio tra la conduzione, i servizi e la pubblicità rende a tratti difficile l’ascolto. La scaletta del debutto comincia con il calcio, cavallo di battaglia della rete, e prosegue con l’incontro tra Berlusconi e Putin e le dichiarazioni del leader dei Ds Piero Fassino sul “burattinaio” di Telekom Serbia. Negli approfondimenti, le anticipazione del quotidiano inglese The Observer alla vigilia della deposizione della vedova di Kelly alla commissione d’inchiesta.

Tra un notiziario e l’altro, il direttore Carelli ribadisce la linea editoriale della rete. “Il nostro primo obiettivo- dice il giornalista – è conquistare credibilità e ottenere il rispetto di chi ci ascolta”. E non mancano gli auguri eccellenti di politici, giornalisti e uomini dello spettacolo. A salutare la neonata tv Rutelli e Berlusconi, Mentana e Mimun, Arbore e Rita Dalla Chiesa. Il presidente della Rai Lucia Annunziata ha inviato questa mattina un telegramma: “Benvenuti. Auguri per un grande successo. Viva la concorrenza”. E ieri era arrivato anche un messaggio del grande capo australiano: “Vi ringrazio di cuore tutti – aveva scritto Murdoch alla redazione – e mi unisco a voi nella trepidazione e nella felicità dell’evento. Vi inoltro i miei più sinceri complimenti, anche perchè avete tutti, nessuno escluso, permesso tutto questo”.

La macchina di Sky si avvale del lavoro di 280 persone, tra giornalisti e tecnici. Una squadra che lavora nell’arco delle 24 ore, suddivisa in tre turni. Pochi, per ora, i volti noti strappati ai vecchi Tg. Le trattative con Lilli Gruber, Cesara Buonamici e Maria Grazia Capulli non sono andate in porto. Ma la campagna acquisti è ancora aperta.

Per battere il duopolio Rai-Mediaset il gruppo avrà a disposizione sei sedi regionali (Palermo, Napoli, Bari, Padova, Bologna e Milano) e l’ausilio sinergico della rete americana Fox Television e della tv inglese BSkyB, di proprietà di Murdoch. Ma Sky ha stabilito anche un accordo con una società di elicotteri, che metterà a disposizione mezzi pronti a partire da Roma, Milano, Bologna e Napoli.

SkyTg24 sarà visibile in chiaro fino al 31 dicembre sul canale 500, da chi disponga di un’antenna parabolica. Il decollo della nuova rete, secondo gli analisti, potrebbe erodere ampie quote di mercato a Rai e Mediaset. Per il momento, però, il canale è fuori dall’Auditel e per valutare l’indice di gradimento il gruppo si baserà solo su indagini campione.

La rete, nata dalla fusione tra Tele+ e Stream, conta in Italia circa 2,3 milioni di abbonati. Il tycoon australiano ha intezione di replicare nel nostro Paese la ricetta che ha utilizzato in Gran Bretagna, dove gli utenti dei suoi canali digitali sono già oltre 6 milioni. Negli Stati Uniti gli abbonati alle pay tv che fanno parte della News Corp superano gli undici milioni. Il pacchetto minimo di offerta costa 30 dollari e prevede 110 canali di cinema, sport, musica e intrattenimento. In Australia e Nuova Zelanda, le reti di Murdoch superano il milione di abbonati con offerte che vanno dai 20 ai 40 canali. Ma il cuore dell’impero è quello asiatico. Sky Perfect Tv ha 3 milioni e mezzo di abbonati in Giappone, con pacchetti che vanno dai 30 ai 66 canali. E soprattutto domina i mercati emergenti in Cina (oltre 41 milioni di utenti) e India (quasi 32 milioni).

SkyTg24, notizie senza sosta, Murdoch sfida RAI e Mediasetultima modifica: 2003-08-31T15:47:13+00:00da giornale_web
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento