Fanfan, la cappa e la spada, Penelope nei panni della Lollo

MENTRE nelle sale spopola C’era una volta in Messico, primo alla classifica del box-office (seguito da Love Actually e, al terzo posto, da Matrix The Revolutions), la sfida di questo weekend si consuma fra azione, paura e remake. Tre, per l’esattezza. Il tulipano d’oro, Quel pazzo venerdì e Non aprite quella porta. Ma ci sono anche Ah! Se fossi ricco, per ridere con eleganza, e l’action movie S.W. A. T., celebrazione della (famigerata) polizia di Los Angeles.

IL TULIPANO D’ORO
Genere: avventura. Regia di Gérard Krawczyk, con Hélène de Fougerolles, Didier Bourbon, Vincent Perez, Penelope Cruz. Distrubito da 01. Cappa, spada e ironia per la terza versione cinematografica del racconto Fanfan la Tulipe, le avventure del libertino sciupaffemine, da un letto all’altro, dal matrimonio sfiorato all’arruolamento nell’esercito di Luigi XV, all’incontro con Madame de Pompadour. Combattimenti in stile Matrix (“Vincendo senza pericolo – dice il protagonista – si trionfa senza gloria”) e citazioni kubrikiane (vedi il tic alla mano del generale austriaco, e quello del Dottor Stranamore). Penelope Cruz intepreta il ruolo della zingara Adeline che nella versione degli anni Cinquanta fu affidato a Gina Lollobrigida.

FRICKY FRIDAY – QUEL PAZZO VENERDI’
Genere: commedia. Regia di Mark S. Waters, con Jamie Lee Curtis, Mark Harmon, Harold Gould, Lindsay Lohan. Distribuito da Buena Vista. Tess e Annabell, madre vedova e figlia quindicenne, una diversissima dall’altra, e perennemente in confitto. Ma un giorno, per l’appunto un pazzo venerdì, complici i biscotti cinesi della fortuna, si ritrovano una nel corpo dell’altra. Con un nuovo punto di vista, dunque, utile per la reciproca comprensione. Remake di Tutto accadde un venerdì, diretto da Mary Rodgers nel 1976.

NON APRITE QUELLA PORTA
Genere: horror. Regia di Marcus Nispel, con Erica Leerhsen, Jonathan Tucker, Jessica Biel. Distribuito da Eagle Pictures. Un gruppo di ragazzi viaggia verso il Messico per comprare droga, la macchina si rompe e restano bloccati in Texas. Nessuna area di servizio né telefoni nelle vicinanze. Solo una casa, apparentemente abbandonata… Remake dell’horror-cult del 1974 diretto da Tobe Hooper.

AH! SE FOSSI RICCO
Genere: commedia. Regia di Michel Munz e Gerard Bitton, con Richard Berry, Valeria Bruni Tedeschi, Jean-Pierre Darroussin, Francois Morel. Distribuito da Mediafilm. Una giornata di svolta nella vita di Aldo, umile rappresentante di prodotti per capelli: vince 10 milioni di euro al lotto, e scopre che la moglie lo tradisce con il suo nuovo capo. Quindi pensa alla vendetta: non dire nulla della vincita, per non dover spartire con nessuno il malloppo. Si divide così fa due esistenze parallele, una modesta per gli altri, l’altra da gran signore, ma solo per sé.

SON DE MAR
Genere: erotico. Regia di Bigas Luna, con Jordi Mollà, Euard Fernandez, Sergio Caballero, Leonor Watling. Distribuito da Medusa. L’amore appassionato fra Ulises, che insegna lettere in una scuola di un paesino del Mediterraneo, e Martina. Un amore che si consuma fra profumo d’arance e patatine fritte, finché Martina non resta incinta. Ma un giorno Ulises esce per andare a pesca di tonni, e scompare senza lasciare traccia…

NOI ALBINOI
Genere: drammatico. Regia di Dagur Kari, con Thomas Lemarquis, Throstur Leo Gunnarsson. Distribuito da Lucky Red. Sullo sfondo di un piccolo villaggio islandese, scorre la vita allo sbando di Nòi, ragazzo albino di diciassette anni, padre alcolizzato e voglia di scappare. Un desiderio che diventa ancora più forte quando Nòi incontra Iris, una ragazza di città.

S. W. A. T.
Genere: azione. Regia di Clark Johnson, con Josh Charles, Samuel L. Jackson, Colin Farrell, Michelle Rodriguez. Distribuito da Columbia Pictures. Alex Montel, famoso boss della droga, viene arrestato e portato via da Los Angeles dalla squadra speciale S. W. A. T. (Special Weapon and Tactics Squad), l’elite della polizia americana, per essere poi consegnato ai federali. Ma le cose si complicano quando Montel annuncia, in diretta tv, che ricompenserà con 100 milioni di dollari chiunque riesca a liberarlo. Spari, profusione di “duri” (“Lavorerò nel fango, ma nei piaceri della vita adoro volare alto…”) e colpi di scena.

ITALIAN SUD EST
Genere : documentario. Regia di Fluid Video Crew, con Antonio Aluisi, Caterina Tortosa, Mateo Fraterno. Distribuito da Pablo. Italia, Salento, 2003. Venti personaggi in viaggio attraverso la provincia di Lecce, per tre giorni a bordo dei treni della Sud Est, la ferrovia locale ormai quasi in disuso. Racconti, esperienze, speranze. Un affresco corale attraverso i luoghi di una terra in perenne mutazione, in un viaggio surrreale tra modernità e tradizione.

Fanfan, la cappa e la spada, Penelope nei panni della Lolloultima modifica: 2003-11-28T19:54:52+00:00da giornale_web
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento