Negli States lotta ai 4×4 “inquinano e consumano”

Ricordate gli spot americani di inizio anno “Chi guida un Suv finanzia i terroristi”, oppure “Chi spreca carburante spedisce soldi ai campi di addestramento di Al-Qaeda”? E ancora: “I tuoi dollari aiutano i nemici dell’America a sviluppare armi distruttive”?
Le immagini della discutibile pubblicità Tv con estremisti islamici armati fino ai denti dovevano convincere gli automobilisti americani a non comprare i giganteschi 4×4, ma furono solo l’inizio di una vera e propria battaglia che ormai oltre oceano si combatte anche con vigilantes e bande di incendiari.

Gli estremisti di “Earth Liberation Front” ormai si muovono in gruppi perfettamente sincronizzati e incendiano o deturpano con scritte (sempre le stesse: “ELF” “Fat, lazy, Americans” e “I love pollution”) i grandi Sport Utility. La lista dei loro colpi ormai è lunghissima, e i danni pesantissimi.

Non basta. L’America è anche la patria dei fanatici religiosi. Che in nome dell’etica cattolica (?) si sono affiancati ai teppisti della Elf arrivando a mandare in onda uno spot con lo slogan “che macchina avrebbe guidato Gesù?”. Ovviamente non un grosso 4×4, reo di dissipare le risorse energetiche degli Usa…

Sembra un gioco, o la battaglia personale di un gruppo di fanatici contro qualche snob che guida un ‘gipponè di 5 metri, ma non lo è: ogni anno in America si vendono più Suv di quante auto si commercializzano in Italia. Ossia quasi 3,5 milioni di pezzi. E l’attivismo di questi gruppi ecologisti rischia di mettere in ginocchio una parte importante dell’industria automobilistica americana. Anche perché la protesta sta lentamente crescendo. E ormai è facile che un proprietario di un Suv si trovi un adesivo attaccato sul vetro che lo invita a disfarsi “del grosso 4×4 inquinante e smetterla di foraggiare il cartello petrolifero OPEC”.

I costruttori, ovviamente reagiscono. E se le concessionarie iniziano ad essere sorvegliate da vigilantes armati (il valore da proteggere è alto visto che il prezzo medio di un Suv è di 40 mila dollari…) le case costruttrici rilanciano con versioni a basso consumo. Come ad esempio la Lexus RX300 di imminente lancio: avrà addirittura una propulsione Ibrida, cioè con motore elettrico e a benzina, per inquinare e consumare meno di un’utilitaria.
Ford, GM e Chrysler rilanciano addirittura con prototipi di Suv a idrogeno, tutto per scrollarsi di dosso l’orribile accusa di “nemici dell’ambiente”. Ma la lotta contro i Suv va avanti.

E l’Aiada (la possente lobby-associazione di categoria dei concessionari americani) chiede addirittura un intervento del Governo, con tanto di pene severe per arrestare il fenomeno degli attacchi ai Suv. E non vanno per il sottile: “Gruppi come l’Earth Liberation Front – ha dichiarato il presidente Tim Smith – devono ricevere lo stesso trattamento riservato ai terroristi perché non si tratta di semplici vandali, ma di nuclei organizzati che usano le stesse tattiche delle organizzazioni eversive. E che attraverso la paura e l’intimidazione – ha aggiunto Smith – puntano a raggiungere un fine politico”.

La concessionaria Hummer presa d’assalto in California

L'”Earth Liberation Front nega, anche se ormai i suoi attivisti se la prendono anche con i simboli delle società petrolifere e del lusso sfrenato. Ma nel loro manifesto ribadiscono che nei loro attacchi è assolutamente vietato mettere a rischio persone o animali.

Sulla vicenda ovviamente l’FBI indaga notte e giorno, ma a porre la parole fine questa vicenda potrebbe essere proprio l’Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration, l’ente federale della sicurezza stradale) che nella recente classifica delle auto più pericolose ha messo in testa quasi tutti i grandi Suv. Motivo? Hanno una tendenza al ribaltamento superiore alla norma. E alla teoria tecnica fa da supporto un impressionante studio statistico. Insomma, dove non arrivano le fiamme, nella lotta ai Suv, potrebbero arrivare le pagelle dell’Nhtsa…

Negli States lotta ai 4×4 “inquinano e consumano”ultima modifica: 2003-11-30T20:24:43+00:00da giornale_web
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento