Pacco bomba da Bologna inviato ad EuroJust

BOLOGNA – Dopo Romano Prodi, la Bce e l’Europol oggi è stata l’Eurojust a finire nel mirino della campagna contro le istituzioni europee orchestrata, secondo gli investigatori, dagli anarchici insurrezionalisti. Un plico esplosivo partito come gli altri due da Bologna è stato spedito alla sede della superprocura europea.

Continua quindi, come previsto dagli inquirenti bolognesi, la campagna intimidatoria contro le istituzioni europee, politiche, come nel caso di Prodi, economiche, come nel caso di Trichet, e degli apparati di repressione come Europol e Eurojust. Per disinnescare il pacchetto giunto alla procura dell’Aja sono intervenuti dei corpi speciali dell’esercito olandese ma i portavoce ancora non sono in grado di dire se il mittente è lo stesso di quelli recapitati nei giorni precedenti.

E mentre la polizia olandese analizza il plico arrivato alla sede di Eurojust si viene a sapere qualcosa di più su quelli spediti all’Europol e al presidente della Bce Trichet. In tutti i pacchi bomba recapitati tra ieri e oggi alle istituzioni europee ci sarebbero anche copie dello stesso volantino – senza però la parte scritta con il normografo dedicata direttamente a Romano Prodi – con cui era stato rivendicato l’attentato di domenica 21 dicembre a Bologna. La rivendicazione era stata inviata alla redazione di Repubblica nel capoluogo emiliano dopo l’esplosione dei cassonetti non lontano dalla casa del presidente della Commissione europea.

Il plico arrivato a Europol aveva come mittente un anarchico francese dell’800, Emile Henry, e come indirizzo via Milano, una strada all’estrema periferia est di Bologna. Nel caso di Trichet invece la lettera, esplosiva come confermato dalla polizia tedesca, aveva come mittente una fantomatica Casa editrice Europea di via dei Terribilia. Indirizzo che la collega a una bomba esplosa appunto in via dei Terribilia, a pochi metri dalla Questura di Bologna, nel luglio del 2001 durante i giorni del G8 di Genova, bomba confezionata con una pentola piena di esplosivo e collocata all’interno di un bauletto portaoggetti di un motorino.

Intanto la Commissione europea ha deciso di rinforzare le misure di sicurezza. Gli edifici dell’Ue a Bruxelles – compresa la Commissione, il Parlamento e il Consiglio europeo – sono sottoposti a una maggiore vigilanza. Anche gli uffici della posta sono stati allertati per le lettere e i pacchi provenienti da Bologna.

Pacco bomba da Bologna inviato ad EuroJustultima modifica: 2003-12-31T10:39:03+01:00da giornale_web
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento